The shape of water

Sono andata a vedere questo film un po’ controvoglia, guardinga, con poche aspettative, perché, a parte la curiosità, devo dire che in questo caso mi guidava soprattutto uno stuolo di blandissimi pregiudizi. Me l’ero immaginato eccessivo, sentimentalone, troppo fantasy (e non è un genere che amo particolarmente), insomma ero sicura non mi sarebbe piaciuto. Invece, con…

Che colore ha la depressione?

Che colore ha la depressione? Direi nero, grigio, blu. Ma anche verde, arancione, giallo, rosso. La depressione non ha un solo colore, ha tante sfumature quante sono le persone che esistono al mondo e anche di più, perché essa può assumere più tonalità in momenti diversi della propria vita. Ero convinta che i sintomi depressivi…

Quando ti dicono “non pensarci”

Una delle frasi più abusate e meno efficaci anche quando pronunciate con sincero amore è: – “non pensarci”. Non lo si dice per cattiveria, spesso anzi chi lo dice è seriamente intenzionato ad essere di aiuto, ma la struttura della frase stessa è un ossimoro in termini. Se ho un problema, ci penso. Non lo…

Vite che sono la tua

Normalmente sono restia a comprare saggi narrativi. In questo caso però non si tratta di un saggio letterario comune, è un diario personale mascherato da saggio, in cui i libri scandiscono la crescita personale dell’autore, ne forgiano la personalità, ne completano l’essenza e ne nobilitano le intenzioni. Questo libro pone le fondamenta di quel percorso…

La paura si trasforma

Un aspetto frustrante della paura è che essa si trasforma. Così come si trasforma l’ansia. Crescendo facciamo i conti con quelli che sono i nostri limiti e le nostre fobie. Tutti ne abbiamo, chi più chi meno. Con il tempo impariamo a riconoscere i segnali che il nostro corpo ci invia: un mal di pancia,…

La paura: consigli per l’uso

Quando il bambino è piccolo e ha paura del buio, gli diciamo: “non devi avere paura”, “non avere paura”, magari ci mettiamo anche a spiegargli perché non dovrebbe avere paura, ma molto raramente ci soffermiamo a capire le sue ragioni. Fin dall’infanzia, quindi, la paura è accompagnata da un velato senso di colpa: “non devi”,…

Chiamami col tuo nome

Non so bene da dove iniziare perché di questo film preferirei semplicemente non parlare. Io non scrivo recensioni come farebbe un critico, l’unico motivo per cui parlo di qualcosa è la pura condivisione, senza tecnicismi, non ne sarei all’altezza. Non saprei nemmeno da dove cominciare per dirvi che senso di dolcezza e devastazione mi ha…

Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Già il titolo è tutto un programma: in barba alla convenzione che vuole titoli brevi e facili da ricordare! Per una buona volta, la traduzione italiana non si è permessa di stravolgerlo e lo ha riportato tale e quale all’originale, Three billboards outside Ebbing, Missouri. Difficile inquadrare questo film in un genere, difficile incasellarlo o…

Sii libera di essere prigioniera

“Libera di essere prigioniera” è la frase che introduce il mio blog. La partorii anni fa per un amico che sentivo molto vicino nella mia condizione di “prigionia”. All’epoca pensai, e lo penso ancora oggi, che era l’augurio più bello che si potesse fare a chi si sente prigioniero di qualcosa: non colpevolizzarti, sentiti libero…

Sono puri i loro sogni

Dopo il Matteo Bussola di “Notti in bianco, baci a colazione” che ci aveva fatto immergere nell’esperienza della paternità e nelle conseguenti dinamiche familiari, troviamo qui un Bussola più “serio”, in questo libro approfondisce il divario tra quello che era la scuola prima e quello che è la scuola ora, o almeno sul modo in…

Lettera ad uno sconosciuto

Mi piacerebbe sapere come piangi. Se hai mai urlato la tua rabbia o se sei riuscito a reprimerla per tutto questo tempo. Se perdoni, se vuoi chi non c’è, se accanto a te hai chi non vuoi, se ti manca qualcuno. Vorrei vederti mentre cammini da solo, per vedere se rallenti in salita, se ti…