Lettera ad uno sconosciuto

Mi piacerebbe sapere come piangi. Se hai mai urlato la tua rabbia o se sei riuscito a reprimerla per tutto questo tempo. Se perdoni, se vuoi chi non c’è, se accanto a te hai chi non vuoi, se ti manca qualcuno. Vorrei vederti mentre cammini da solo, per vedere se rallenti in salita, se ti…

Parla, mia paura

È cominciata con la paura. Paura delle automobili. Paura dei treni. Paura delle luci troppo forti. Dei luoghi troppo affollati, di quelli troppo vuoti, di quelli troppo chiusi e di quelli troppo aperti. Paura dei cinema, dei supermercati, delle poste, delle banche. Paura degli sconosciuti, paura dello sguardo degli altri, di ogni altro, paura del…

La saga dei Cazalet: ultimo volume

Ho terminato la saga dei Cazalet. Prendere congedo da questa meravigliosa famiglia è doloroso. Mi sembra di vedermeli sfilare davanti agli occhi mentre mi salutano con compostezza e cordialità; ed io li saluto a mia volta, mentre mi allontano sul mio consueto treno immaginario che mi porterà dentro altre storie. Ho voluto bene a questa…

I viaggi di Daniel Ascher

Sono arrivata a questo libro per puro caso: in una piccola edicola di paese non c’era quello che cercavo, così ho optato per questo romanzo, ispirata quasi esclusivamente dalla copertina e dal fatto che l’autrice è una professoressa di Letteratura Comparata (materia universitaria che scelsi per la tesi), residente a Parigi e al suo esordio…

Identikit – Conosciamo noi stessi?

Leggera scoliosi. L’equilibrio ne risente. Inseguo più che essere inseguita. (No, questo era vero in passato) I libri mi salvano dai vuoti cosmici. Anzi, spesso, raccontano o mi svelano i vuoti cosmici che ho dentro. Altre volte mi parlano di vuoti colmati e di pienezza eterna. Le relazioni sono fondamentali. Amica più che fidanzata. Fidanzata…

Terapia di coppia per amanti

Ah! De Silva è sempre una boccata d’aria fresca in una giornata particolarmente afosa. Con un suo libro si ha la certezza di “liberarsi”, non so se mi capite. Ma sicuramente i suoi fan avranno capito benissimo. L’uso della lingua di De Silva è inconfondibile, liberatoria appunto, la sua napoletanità è quel valore aggiunto che…

Notti in bianco, baci a colazione

Cosa c’è di più bello della maternità? Forse la paternità.   Ovviamente la mia è una battuta, ma è di questo che parla il primo libro di Matteo Bussola, “Notti in bianco, baci a colazione”. Si tratta di un concentrato di tenerezza, il diario personale di un uomo che nella sua famiglia ha riscoperto il…

L’amante giapponese

Isabel Allende è una delle mie scrittrici preferite da sempre. Da La casa degli spiriti in poi, non ho mai smesso di apprezzarne la scrittura. Ha scritto decine di libri e il suo stile è inconfondibile: cambiano gli scenari, le epoche e i personaggi, ma leggendo un suo libro, si ha la certezza di ritrovare…

Le scelte che non hai fatto

Io cercavo pezzi della mia storia, ho incontrato altre storie. E mi sono piaciute. Non ho mai creduto nell’esistenza dell’anima, né del resto all’esistenza di un vero io, più vero dell’altro, o degli altri, che ci portiamo dentro. Come quando un’amica ti dice: non sei tu. Ma cosa sono secondo te? Sono io, anche questa…

20 anni di Harry Potter

Sono passati vent’anni dall’uscita di Harry Potter in Inghilterra e l’amore per questa grande storia è ancora intatto. Avevo undici anni quando mia cugina, di due anni più grande, mi regalò il primo capitolo della saga. Ricordo ancora il momento in cui scartai il regalo, lo ricordo nitidamente anche se non avevo ancora idea di…

Quarto capitolo della saga dei Cazalet: Allontanarsi

Concludere la lettura di uno dei capitoli della saga dei Cazalet è sempre strano. Da una parte sei felice di essere arrivata fino in fondo, un secondo dopo, però, comincia una crisi di astinenza confusa che si acuisce il giorno seguente. Ho terminato “Allontanarsi” e mi sono sentita piena e vuota contemporaneamente: piena perché il…

Storie della buonanotte per bambine ribelli

100 vite. 100 donne. Un progetto di crowdfunding che ha battuto tutti i record. Un libro ideato da due italiane: Elena Favilli e Francesca Cavallo. All’apparenza tutto molto bello e stimolante, ma c’è qualcosa che mi stona, lo devo ammettere. Per prima cosa, nel titolo. Il fatto che sia rivolto a “bambine ribelli” mi innesca uno…