The Young Pope

Cosa succederebbe se la Chiesa venisse improvvisamente amministrata da un Papa che non scende a compromessi con i credenti? Un Papa integerrimo e tiranno, uno che vuol far rispettare tutti i precetti della Cristianità così come vengono presentati secondo dottrina? Uno che non cerca il consenso delle masse, che esalta il fanatismo, che vuole riportare il Credo alla sua origine, che vuole rimettere Dio e non l’Uomo al centro della discussione? Succederebbe quello che si è immaginato Sorrentino nella Serie Tv firmata Sky ed Hbo che sta scuotendo gli animi di credenti e non.
Il Papa immaginato da Sorrentino è un giovane uomo molto bello (Jude Law) abbandonato dai genitori in un orfanotrofio cattolico quando era ancora piccolo, intransigente e schivo, autoritario e dispotico, è riuscito ad ingannare i cardinali facendosi credere remissivo. Pare che ad aver voluto la sua elezione sia stato  il cardinal Voiello, il segretario dello Stato Vaticano, ricattatore esperto, politico e burattinaio, convinto che potesse fare da ponte tra una linea di pensiero più conservatrice e una più progressista. Il nuovo Papa si rivela invece tutto il contrario di quello che il segretario si era immaginato. Appena eletto, detta letteralmente legge e vuole scardinare l’assetto di tutto il Vaticano.

Senza scendere nei dettagli e senza voler anticipare troppo, dopo le prime sei puntate credo di aver capito l’intento di Sorrentino. Se i precetti della Chiesa sono precisi, gli insegnamenti teorici ben chiari, cosa succederebbe se arrivasse un Papa che li mette tutti in atto? Non sarebbe più onesto? Il Papa di Sorrentino non si nasconde dietro frasi imbonitrici, non gioca con le parole, non ci gira intorno, va dritto al punto. Non cerca un consenso sommario, non vuole numerosi fedeli, vuole fedeli devoti. Non vuole fedeli dubbiosi, ma sicuri dell’esistenza di Dio. Non vuole vie di mezzo: se sei gay, sei fuori. Se non credi, se fuori. Insomma o sei dentro o sei fuori. Eppure, nonostante il dispotismo, chi gli sta accanto lo crede quasi un santo, espressione della volontà divina, al di sopra delle parti, un uomo asessuato, vigile, senza peccato. E se il suo peccato più grande e inconfessabile fosse che nemmeno lui crede in Dio? Se invece si sentisse Dio? Insomma si tratta di un personaggio complesso e per la prima volta conosciamo l’uomo, oltre il ruolo che riveste. La sua vita privata influenza inevitabilmente il proprio operato e quello che ne viene fuori è un bambino capriccioso che cerca costantemente i genitori, la propria origine, la propria identità. Non è forse egli come Gesù? A credere ciecamente in lui è Suor Mary, la suora che lo accolse e che lo ha cresciuto. Quasi una Vergine Maria che accoglie il figlio come suo, una figura sensibile, femminile, una Diane Keaton favolosa. E come Gesù, questo Papa disubbidisce alla madre, se ne allontana, esplora e poi da lei torna. Non conosco la Bibbia abbastanza da fare parallelismi, ma non mi stupirei se Sorrentino li avesse nascosti qua e là. Qui si parla di un regista, un creativo, che non scrive mai senza prima fare un enorme lavoro di ricerca e sono sicura che in questa serie c’è molto più di quanto si vede o di quanto io finora ho visto.

E al mondo dei fedeli cosa succederà? Come andrà a finire? Chi rimarrà? La Chiesa cattolica scomparirà o rinascerà a nuova vita?

Non ci resta che continuare a seguire questo piccolo capolavoro di estro che Sorrentino ha definito così: “La Chiesa non si offenderà se guarda questa serie come ammirerebbe un’opera d’arte”.

Una menzione speciale va fatta per Silvio Orlando, un mostro di recitazione, un personaggio dalle battute taglienti e spiritose, essenziale per l’andamento della storia. Sceneggiatura scritta minuziosamente, anche le virgole sono al posto giusto, le pause, il ritmo. Alla fine sono d’accordo, questa serie va guardata come fosse un’opera d’arte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...